VINTAGE E ETICO, LE STRATEGIE GLAM PER UN ABITO DA SPOSA ECO-FRIENDLY

venerdì, settembre 18, 2020



Qualcosa di vecchio dice la tradizione, qualcosa di sostenibile dicono i nuovi trend in tema di abito da sposa. Due concetti che riescono a soddisfarsi a vicenda e a dar vita a un look ecosostenibile e dallo stile unico. Ed è così che, cercando di fare qualcosa di etico per il nostro pianeta, tornano a risplendere abiti vintage, materiali di recupero e tessuti naturali. 

Vintage, che amore! 
 
Se Carrie Bradshaw, in Sex & the City, aveva puntato tutto su un abito da sposa vintage (prima di cedere alle lusinghe di Vivienne Westwood) c’era un motivo, un vestito nuovo è sempre una meraviglia per gli occhi, ma ridare vita e stile ad un abito già indossato da qualcun altro è quella sfida a cui nessuna fashionista che si rispetti può sottrarsi. 


Mio, ma per 24 ore! 

 

È l’abito dei sogni, ma troppo spesso destinato ad un’unica apparizione sulle scene, quindi, perché non noleggiarlo? Budget ridotto, possibilità di scegliere anche abiti Haute Couture e un circolo virtuoso di sostenibilità che si rigenera ad ogni Sì. Una scelta, questa, già diffusa all’estero e possibile in Italia grazie a siti come Drexcode.




Questioni di famiglia 

 

Se sfogliando le foto di famiglia, ti sei innamorata dell’abito da sposa della tua mamma, è il momento giusto per tirarlo fuori dalla cantina. Probabilmente avrà bisogno di qualche ritocco, ma vuoi mettere aggiungere la tua foto all’album dei tuoi genitori? 



Nuovo, ma etico!

Abito da sposa nuovo, ma sostenibile? Un compromesso possibile soprattutto grazie ai nuovi trend che vedono gli stilisti sempre più impegnati a creare collezioni rispettose dell’ambiente. Ed ecco che scendono in campo abiti da sposa realizzati con tessuti di riciclo e tinte naturali come quelli di Elisabetta Delogu e dell’atelier Larimeloon che, per le loro collezioni, propongono modelli dall’animo retrò e toni pastello. Chi non poteva mancare? Ovviamente lei, Stella McCartney, da sempre attenta ad una moda etica e che per la sua prima capsule collection ha scelto una viscosa sostenibile e Made in Italy.



Foto Cover: Photo by Jeff Trierweiler on Unsplash 

You Might Also Like

0 commenti

Benvenuta/o sul Something Tiffany Blue, lasciami un tuo commento, sarà un piacere chiacchierare insieme!

BEAUTY BLOG

Subscribe